io resto a casa (ma vado a scuola)

Continuo a collaborare al laboratorio di poesia nella 2H dell’ITT Livia Bottardi di Roma, prestando la mia persona e i miei versi. Ricordo che l’idea si deve alla sensibilità e all’esperienza della prof Lucia Pantani.

Devo ringraziare ancora la prof e gli studenti per questa opportunità di incontro offerta alla poesia e a me. Ho la sensazione piacevole che si sia creato prima di tutto un rapporto personale e poi che i ragazzi siano entrati con sincerità nel discorso poetico.

Oggi ci siamo incontrati dalle nostre case avvalendoci dei potenti mezzi della comunicazione a distanza. Abbiamo letto Dalla finestra aperta di Attilio Bertolucci, quanto mai adatta a questi giorni difficili di isolamento e distanziamento fisico. Abbiamo più spazio per leggere, scrivere, pensare, guardare dentro noi stessi, guardare anche dalla nostra finestra aperta liberando i sensi e le emozioni.

Ai ragazzi ho regalato una piccola cosa nata ieri, come un esile alito di vento, mentre camminavo su e giù per il balcone.

 

Io resto a casa. Per il mio balcone

camminando su e giù, su e giù, su e giù

oziosamente libero i pensieri

senza una meta, a colmare un poco

il distanziamento fisico imposto

e il coprifuoco. Un tiepido sole

tenta di mitigare il vento freddo

del mattino. Una rondine si posa

sul filo teso. Le passo vicino

su e giù oziosamente. Non si muove.

Le guardo con indiscrezione il dorso

nero, il ventre biancastro, la gola

rossa rossa, e non si muove. Immagino

come uno sciocco, di domandarle

“Non ti faccio paura? Resti ancora

a farmi compagnia?” Chiamo mia moglie.

“Vedi sul filo?” Laboriosa annuisce.

Poi con paletta e ramazza esce tranquilla.

Insieme a questi versi

esile alito di vento, la rondine

con molta grazia se ne vola via.

One thought on “io resto a casa (ma vado a scuola)

  1. Grazie Maurizio per aver condiviso con la classe e con me la tua poesia e il tuo poetare. Piano piano gli alunni e le alunne stanno prendendo confidenza col discorso poetico, con l’aiuto anche del momento che ora dà senso vivo a quello che sarebbe stato solo studiato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...